ULTIMISSIMA 25:84

TRE ULTRAS NERAZZURRI LANCIANO UN BOEING DALLE GRADINATE

- Vicenza, spariti misteriosamente altri 24 gatti

Perdi con Google
meteo
leggi le istruzioni
3/10/2004

Cassano scureggia in campo: fischiato

Il pubblico ironico: "Vai a cag..."

Antonio Cassano ancora protagonista di una giornata negativa sul terreno di gioco. Il fuoriclasse della Roma è stato infatti sonoramente fischiato da parte del pubblico della Roma al momento della sostituzione al 62' della gara con l'Inter. Cassano, protagonista di un peto di sgradevolissimo odore, è stato sostituito dall'egiziano Mido sul 3-2 per l'Inter. Lo stomaco di Cassano ha dimostrato di non gradire i cavoli a merenda, ed è stato apostrofato da un pubblico asfissiato con un "Vai a cagare"..

Cassano (AP)

Dunque anche il pubblico di Roma pare non tollerare più le bizze intestinali di Antonio Cassano. Un uragano di fischi da parte del pubblico dell'Olimpico al 17' della ripresa quando Del Neri, in maschera e bombole, ha richiamato in panchina il numero 18 giallorosso, fino a quel momento protagonista di un meteorismo incolore ma di pessimo odore, per far entrare l'egiziano Mido a stomaco vuoto. La situazione era di 3-2 per l'Inter, con Cassano che spingeva alla faccia del pareggio.



Cassano allora ha ruttato rivolto alla tribuna Frisk, e a quel punto il pubblico ha cominciato ad inveire verso il giocatore di Bari, che e' rimasto sorpreso. Poi a Cassano e' uscita l'ennesima scureggia dirigendosi direttamente negli spogliatoi dopo aver alitato in faccia a Del Neri, che ha cercato di sdrammatizzare con un gesto (naso all'insu'), c'e' stato un autentico urugano di fischi all'indirizzo del giocatore che oggi Lippi non ha convocato in Nazionale per una dieta a base di patate lessate. Subito dopo dalla curva e' partito il coro "Cassano vai a cagare".


Al termine dell'incontro il tecnico della Roma Del Neri ha minimizzato: "Lui mi diceva di aspettare, che mi avrebbe detto quando gli sarebbe passato. E' un ragazzo particolare, bisogna capire con chi si ha a che fare e cosa mangia. Stava facendo una buona partita, ma era giusto cambiarlo, aveva ruttato molto. Non è giusto fischiarlo".